Seconde nozze: le scarpe di tendenza

Torniamo alle nostre seconde nozze per occuparci di scarpe.

La prima buona notizia: nessuno vi costringerà al tacco 12 e plateau, a meno che non lo vogliate.

Soprattutto con un abito corto potrete permettervi senza esitazioni una ballerina, mules con fiocco, addirittura un delicato sandalo aperto.

Ovviamente dovrete abbinarle alla perfezione con il vestito, ovvero: se l’abito è ricco e complicato siano semplici le scarpe.

Se la giornata della cerimonia è in piena estate sono deliziosi i sandali aperti con fiocco. Se avete optato per il tailleur pantalone perché non abbinare una stringata semitrasparente effetto Cenerentola post moderna ?

In caso di abito scivolato, lineare in tinta unita potrete sbizzarrirvi con scarpe decorate, dal tacco alto, molto fashion.

Belle come decolletees, splendide in versione open too o con cinturino al tallone.

Eviterei per quanto possibile scarpe eccessivamente in contrasto di colore con l’abito poiché dobbiamo ancora fare i conti con il bouquet !

 

Vuoi preparare la tua lista nozze on line ?

E’ facile e veloce: clicca qui !

 

Seconde nozze: gli abiti.

Si apre la stagione clou dei matrimoni ed inizia l’effervescenza per l’evento.
Poiché non ci si sposa per forza una sola volta mi interessa l’argomento delle seconde nozze, precisando un punto: le seconde nozze non sono solo “civili”.
Ben possono sposarsi in chiesa un celibe e una vedova o due vedovi ecc., quindi eviteremo la dicitura “nozze civili” perché riduttiva.
Cominciamo col parlare di età – che non è affatto un argomento triste- precisando che ci rivolgiamo a persone che hanno superato i quaranta o quarantacinque anni, e oltre.

Invecchiate ? Anche no. Piene di vantaggi semmai….
In seconde nozze non avrete il problema di competere con i matrimoni delle amiche, con i loro abiti e i loro parties, non vi importerà di vestirvi come nuvole bianche e vi terrete lontane da quel tocco di ridicolo che talvolta caratterizza i matrimoni delle più giovani.

Addio balze, tulle, espressioni verginali dinanzi al fotografo, make up da madonnina dantesca, bouquet da lanciare, lanci di riso da ricevere, e torte a sei piani con le figurine bianca e nera degli sposi.
Questa prima parte INIZIA dagli ABITI….
Ve lo potete permettere !

Mi riferisco all’abito corto: disinvolto, leggero, raffinato, non appesantisce il gusto o la figura e si addice perfettamente alla seconda occasione.
Finalmente potete ignorare i diktat da principessa “velo-e-strascico” e vestirvi di luce, colore, allegria; è il vostro momento.

E quindi SI all’avorio, al tortora chiarissimo, al bicolore (come avorio e tortora, blu chiaro e azzurro, e simili) ed al colore: SI al pesca, al rosa antico, al grigio perla, al verde salvia, e alle tonalità del mare.
Per – risibili-ragioni di età taluni potrebbero consigliarvi un tailleur, magari pantalone…

Ragioniamo: indossate i pantaloni SOLO se realmente vi piacciono, e punto.

Non avete bisogno di coprire nulla, evidenziate con naturalezza i punti di forza del vostro fisico; un giacchino corto mod. Chanel potrà fare al caso vostro, senza bisogno di vestirsi come in ufficio.
Sarà perfetto anche un modello scollato sulle spalle, con gonna corta o pantaloni affusolati oppure un abito smanicato completo di spolverino lunghezza midi da togliere dopo la cerimonia.


Se è pieno giorno, in piena estate SI a tessuti leggeri e mezze maniche, o tre quarti, in pizzo.
Se siamo in primavera o la cerimonia è serale una stola, il giacchino-Chanel o uno spolverino potrebbero avere una certa utilità: sono molto glamour e danno un tocco in più all’outfit. E sono perfetti anche in  Chiesa.
I materiali più adatti sono intramontabili e preziosi: il mikado di seta, il raso, il pizzo in tutte le declinazioni e – se è sera – un tocco di taffetà fa la sua splendida figura.
Siate libere, sentitevi libere; il tempo dei giudizi è lontano… ad oggi non ci interessano più.


Parte II ? LE SCARPE……

Vuoi preparare la tua lista nozze on line ? E’ facile e veloce, clicca qui